Crea International – Physical Brand Design (case history)

Crea International, una delle società italiane di Retail Design più innovative a livello internazionale, ideatrice della filosofia di progettazione Physical Brand Design che sta proponendo con successo in molti paesi in tutto il mondo, a due settimane dal lancio del nuovo portale www.creainternational.com, realizzato dalla new media agency Time & Mind, raggiunge un obiettivo di assoluto rilievo: la prima pagina dei risultati di Google Italia con la chiave di ricerca “brand design”.

Il risultato è tantopiù significativo perché raggiunto con una concorrenza di 125.000.000 di pagine Web indicizzate dal motore di Mountain View.
Per raggiungere questo obiettivo, Crea International ha adottato con entusiasmo la strategia basata sul concetto di “Ecosistema Digitale”, ideata e sviluppata da Time & Mind nel corso dei suoi 10 anni di esperienza on-line.

Grazie a questa strategia, il nuovo portale www.creainternational.com ha già incrementato significativamente la sua visibilità in Rete e il rapidissimo posizionamento su Google testimonia ancora una volta l’importanza e l’efficacia di un approccio “olistico” al Web.

Su questo tema, Massimo Giordani, CEO Time & Mind, sostiene che: “Ogni azienda deve arrivare a concepire il rapporto con la Rete come parte integrante di tutti i suoi processi, interni ed esterni. Solo in questo modo è possibile superare quell’approccio settoriale e marginale alle enormi potenzialità del Web che, purtroppo, ancora caratterizza la maggior parte delle aziende italiane”.

Nell’immagine, Alberto Pasquini e Massimo Fabbro, fondatori e grandi “trascinatori” di Crea International, indicano con soddisfazione il link al sito dello studio di design sulla prima pagina dei risultati di Google.

Aggiungo solo che ho curato personalmente l'”ecosistema digitale crea” applicando integralmente tale approccio “olistico” al Web, strutturandolo sulla base di una metodologia ormai collaudata su numerosi e diversificati clienti.

Riferimenti:
www.creainternational.com

Che ne dici di dare un’occhiata anche a questi articoli?